Come Creare una Landing Page Efficace – Guida 2024

by | Apr 22, 2024 | Web marketing

La landing page è un sito web che viene spesso descrito come un sito mono pagina che serve principalmente per vendere attraverso le campagne pubblicitarie come Google Ads o Facebook Ads.

La landing page però potrebbe essere semplicemente la punta dell’iceberg di un processo di vendita costituito da diversi step (quindi più pagine).

Per creare una landing page efficace è necessario comprendere il mercato del prodotto o servizio che si sta vendendo, ovvero il pubblico di riferimento.

Gli step per creare una landing page efficace

È difficile stabilire in poche righe una guida che vada bene per tutti perché il marketing è un argomento fin troppo ampio. Facciamo quindi degli esempi di landing page che vendono prodotti in maniera diretta o consulenze.

1. Creazione della headline

La headline è il titolo della tua landing page, e rappresenta la parte più fondamentale di tutta la pagina. Questo titolo deve rappresentare in maniera diretta il beneficio che vai a portare se il tuo cliente acquista il prodotto o servizio.

Puoi utilizzare come headline la USP dell’azienda oppure creare un titolo a posta per quello stai promuovendo.

Attenzione a non utilizzare lo slogan se la tua azienda ne ha uno. Lo slogan è una frase generica che spesso ha un significato non diretto e che quindi non crea interesse nel visitatore.

La headline quindi deve essere:

  • Diretta senza giri di parole, che adotti un linguaggio basico pubblicitario
  • Persuasiva, nel senso che deve creare nella mente del visitatore un’immagine del suo problema risolto o desiderio esaudito, così da motivarlo ad effettuare una precisa azione, come acquistare o contattare.

Ad esempio, nel mio caso ho utilizzato una headline che fa capire subito il beneficio nell’utilizzo delle Google Ads a chi sta pensando di sponsorizzarsi in tal senso:

  • Fatti notare solo da un pubblico pronto a pagare promuovendoti solo verso un pubblico che sta cercando te in questo momento attraverso Google Ads.

Questa headline spiega in maniera chiara e diretta qual è il beneficio nell’utilizzo di Google Ads ed è congruente con le intenzioni di un potenziale cliente.

Se avessi scritto invece una headline del tipo:

  • Consulenza Google Ads. 10 anni di esperienza per imprenditori e professionisti in ogni tipo di settore.

In questo caso la headline non crea nella mente del lettore un’idea di che cosa otterrà una volta usufruito del mio servizio. Quello che comunica in realtà è

Ciao, sono il migliore. Contattami.

La prima headline in realtà include anche la seconda a livello di percezione. Questo perché se ti propongo un beneficio del genere è ovvio che dovrò anche essere un esperto nel fare il mio lavoro.

Quando mostri il beneficio in maniera chiara, alle persone non interessa se hai 3 o 20 anni di esperienza. La percezione a livello incoscio di un lettore è che tu sei una persona unica nel tuo mercato e quindi coglie subito l’attenzione del tuo potenziale cliente.

L’esperienza potrà essere inserita lungo il contenuto della landing page attraverso certificazioni, testimonial, recensioni, brevi biografie o quant’altro.

2. Contenuti

Dopo aver studiato attentamente una headline che cattura l’attenzione del potenziale cliente, adesso è arrivato il momento di confermare ciò che hai detto attraverso il contenuto della landing page.

Che cosa inserire all’interno?

All’interno della landing page dovrai spiegare esattamente come puoi aiutare queste persone attraverso i tuoi prodotti o servizi.

Dovrai prima di tutto andare a toccare i tasti giusti che fanno dire nella mente inconscia (quindi emozionale) delle persone “Sì, sono io che ne ho bisogno”, oppure “Sì, sono io che ho questo problema”, oppure ancora “Sì, desidererei tantissimo fare questa cosa”.

I prodotti o servizi dovranno essere presentati mostrando in forma scritta o attraverso l’utilizzo di immagini i risultati che porteranno.

Dopo aver letto la headline, quello che vuole il visitatore, è cercare continue conferme su ciò che stai affermando.

La pagina di vendita in diversi casi deve avere un contenuto che appare un po’ rindondante. L’utente quando scorre la pagina è in 100% modalità pigrizia, quindi veramente poche persone leggeranno tutto il contenuto, e dovrai essere tu bravo ad evidenziare le parti più salienti che interessano al potenziale cliente prima che esso proceda.

Il “cosa” scrivere esattamente dipende da che cosa stai vendendo. È un po’ come chiedere ad un avvocato come fare a risovere un caso qualsiasi.

Ci sono però dei tipo di contenuti che possiamo considerare validi per tutti i settori.

  • Riprova sociale: si intendono le recensioni dei clienti o video testimonianze.
  • Benefici: spiega dettagliatamente come i tuoi prodotti o servizi risolvono un problema o esaudiscono un desiderio. Focalizzati più sul beneficio piuttosto che sulle caratteristiche tecniche e la qualità.
  • Garanzie: hai delle garanzie da offrire? Inseriscile verso la fine della pagina
  • Singola chiamata all’azione (CTA): inserisci ripetutamente un pulsante che invita il visitatore ad agire per effettuare un acquisto, per prenotare un appuntamento o per scaricare un contenuto gratuito. Ricorda che i pulsanti devono essere BEN visibili e la pagina di vendita deve avere una SOLA Call-To-Action (o al massimo un’altra per chi vuole parlare con un venditore per chiarire dubbi).
  • FAQ: le domande frequenti (frequently asked questions), sono un ottimo modo per chiarire dubbi o domande che una persona si potrebbe porre. Vanno inseriti alla fine della pagina.

3. Fai passare il visitatore all’azione: la CTA

Ho già accennato la chiamata all’azione nel precedente paragrafo, ovvero la cosiddetta CTA o meglio Call-To-Action.

La CTA è l’azione che richiedi di fare al tuo potenziale cliente per entrare in contatto con te. Sia esso il diretto acquisto, la prenotazione di un appuntamento o quant’altro. Se stai facendo una campagna di lead generation offrendo un contenuto gratuito come un PDF o una VSL, dovrai chiedere all’utente di iscriversi lasciando dei dati.

L’azione che chiedi di fare al potenziale cliente deve essere organizzata nella maniera più facile, ovvia e lineare possibile.

Ripeto, le persone sono estremamente pigre, quindi se metti delle barriere rendendo il processo lungo e complicato, oppure hai un sito web dove non si capisce bene cosa uno deve fare, potresti bruciare un sacco di soldi.

L’altro giorno dovevo effettuare l’acquisto di un prodotto da 20€ su un e-commerce. Ho messo il prodotto nel carrello, ho preso la mia carta e ho cominciato ad inserire i dati, tanti dati. Tra questi richiedevano persino il codice fiscale.

Questo ha richiesto quindi l’andare a prendere il portafoglio, prendere la tessera sanitaria e copiarlo nel campo apposito.

Richiedere il codice fiscale è un’azione particolarmente complessa e oltre tutto si tratta di un dato che viene percepito fin troppo personale, specie per un privato che non è abituato alle fatturazioni in B2B.

Sembrava quasi che stessi per fare un acquisto da 20.000€ anziché da 20€.

E aspetta, non è finita qua!

Una volta inserito il codice fiscale e continuato con la compilazione nella pagina di checkout mi è stato detto che la spedizione non era gratuita, quando in realtà dicevano che lo era.

Si sono giustificati dicendo che la spedizione era gratis solo con ritiro in loco.

Beh, grazie al… Non diciamo cosa.

Per questo alla fine mi sono sentito preso in giro e ho annullato tutto.

Quindi capisci bene che il processo di vendita non deve avere ostacoli e non deve avere prese di giro come ha fatto questo negozio.

Io inoltre sono riuscito a compilare tutto perché ero comodamente seduto alla mia scrivania, ma pensa se fossi stato all’aperto… Magari non avrei avuto voglia e avrei lasciato perdere anche prima di inserire tutti i dati.

Conclusioni

Costruire una landing page efficacie richiede più tempo nell’ideazione dei contenuti piuttosto che nella realizzazione grafica.

Oggi ci sono strumenti che ti permettono di costruire funnel di vendita in pochi minuti grazie ai loro page builder integrati, come Elementor, Divi o ClickFunnels.

Ogni prodotto o servizio che si vende ha storia a se e necessita di specifici contenuti a seconda della sua natura e della temperatura di pubblico che si vuole colpire.

Se vuoi strutturare una landing page perfetta insieme ad una campagna pubblicitaria su Google Ads realizzata ad-hoc contattami adesso cliccando il pulsante qua sotto.

Condividi questo articolo

Giorgio Mazzei

Fondatore dell'agenzia Ififagency. Sviluppatore web, media buyer, specialista SEO.

Hosting più veloce in Italia per WordPress

Ad - Web Hosting SiteGround - Creato per semplificare la gestione del sito. Clicca per scoprire di più.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *